Ero la vela audace che solcava orizzonti nel soffio dei tuoi respiri ubriachi di me.
Quei silenzi meravigliati raccontavano di noi,della nostra fiducia,dell’essere dell’altro ogni istante scegliendosi.
Ecco vedi in tutti quelli spazi io mi distraggo e ti penso. In tutti quei segni io immagino e ti cerco.
Ho pensato alla luna. E mi siete venuti in mente. Perché è bello che ci siete, con me.
È facile trovarsi se insieme siamo la rotta del desiderio.
E il mondo ricomincia fra impronte d’amore addosso e feroci desideri.
Ci sono momenti di scioglievolezza da gustare pazientemente sul palato.
Probabilmente il sole ci impone di aprire gli occhi e abbracciare il resto della vita in questo sornione pomeriggio.
Io ancora il gusto di frutti di bosco mischiato al sapore delle tue dita. Si ingolosiscono le labbra al ricordo, altrove fremo.

cbrgkkhwiaaghe5