Lo senti il profumo rosso di un mondo dentro che si rivoluziona? Sei tu che mi fai primavera.
E poi ritorni come un’onda a sorprendermi scrivendo sulla battigia delle mie emozioni la dolcezza dell’inseguirsi.
Tra un battito e l’altro che susciti grandi desideri e sogni come possibilità.
Siamo fatti di estasi, disperazione e altri particolari.
In certi pensieri c’è sempre la luce dei girasoli a scacciare la desolazione.
E poi percepire gli accordi della passione sulla pelle, essere solo musica che cavalca il tempo.
Mi piace essere quel tuo sospiro fuori dalle labbra impazienti mentre calcoli equazioni irrisolvibili sulla mancanza
Eppure torna il sereno e le lacrime di rugiada sembrano scintillare di più.
Inciampare sui dubbi e sbucciarsi le ginocchia del cuore, resta impresso con qualche graffio.

ch1mt5awkaarvqd