E adesso inciamperò tutto il giorno in quel “ti adoro” piovuto improvviso addosso, in ogni angolo.
Mi piace inventarti nei riflessi lunari e sentire ogni marea smuoversi in me.
Sono una sinfonia di colori le cose che lasciamo andare: su ogni gradino della mancanza, sussurrano con scricchiolii nel silenzio del cuore
E sai cosa mi è mancato di più in questi 15 giorni di speranze labili? Il profumo e il rumore del mare, il respiro dentro.
E poi al di là di ogni logica ci sono sensazioni assolute, come quella fiducia che si tiene occhi negli occhi e fra dita intrecciate.
Quella voce sottile in sottofondo fra inadeguatezza e solitudine va solo ascoltata e forse coccolata.

cuyfkbfwiaevhkm